Come rimuovere un bullone o un perno rotto da un foro profondo

Quando un bullone o un perno si rompe e rimane in profondità nel buco, la posizione sembra senza speranza. Questo succede se:

  • applicare una forza eccessiva alla chiave;

  • l'hardware si è rivelato difettoso (ad esempio, la presenza di un microcrack interno);

  • il serraggio era maggiore del valore consentito;

  • durante il funzionamento si è verificata un'acidità (ossidazione) della connessione filettata.

La situazione è ulteriormente aggravata dal fatto che la parte può essere grande e costosa (nel nostro caso, un pozzetto in lega di alluminio) e l'unità in cui è bloccato il componente hardware è responsabile e non c'è nulla con cui sostituirlo.

Questo caso è complicato se un bullone o un prigioniero rotto rimane nel foro di una parte in alluminio o lega di magnesio, che è molto più morbida dell'hardware in acciaio. Pertanto, rimuovere il truciolo con molta attenzione e attenzione in modo da non danneggiare le filettature nel foro della parte.

Azioni preliminari

Al fine di aumentare la probabilità di estrarre con successo hardware rotto da fori filettati, le seguenti operazioni non saranno superflue:

  • battere i detriti usando uno speciale pugno centrale caricato a molla o normale, colpendolo facilmente più volte con un martello. Ciò indebolirà l'atterraggio di un hardware rotto;

  • riscaldare la parte nell'area del foro con i detriti utilizzando un bruciatore a gas per alleviare parzialmente le sollecitazioni interne, ma non esagerare per non sciogliere l'alluminio;

  • iniettare o penetrare nel foro un po 'di fluido lubrificante penetrante come W-40, incluso per dissolvere i contaminanti e rimuovere la ruggine.

    Tali misure in combinazione faciliteranno notevolmente la procedura per estrarre dal foro i resti di un bullone o prigioniero.

    Processo di estrazione del truciolo

    La maggiore difficoltà è l'estrazione di un pezzo di hardware con una superficie di frattura non planare. Quando si tenta di perforare, la punta del trapano potrebbe scivolare e danneggiare i filetti nel foro.

    Per estrarre tali detriti, iniettiamo un fluido lubrificante penetrante nel foro, selezioniamo un manicotto di guida adatto alla filettatura.

    Lo avvitiamo nel foro fino a quando non si blocca in un bullone o perno e serriamo con un controdado. Usando un trapano e un trapano per grasso solido all'estremità, praticare un piccolo incavo sotto l'estrattore nel relitto.

    Ruotando il conduttore, ci assicuriamo che la perforazione sia esattamente al centro e che la sua profondità sia sufficiente.

    In caso contrario, è possibile continuare la perforazione senza timore di danneggiare i fili nel foro, poiché abbiamo già una cavità guida. La perforazione non deve essere passata, in modo da non danneggiare la parte in alluminio.

    Quindi, prendiamo un estrattore a vite adatto al diametro e lo inseriamo nel foro.

    Quindi, tenendo lo strumento con un dito, ruotalo attentamente, assicurandoti che l'estrattore si adatti perfettamente ai detriti.

    Avvitiamo un bullone nel foro e assicuriamo che il filo sia intatto. Puoi ingrassare la filettatura con grasso di rame o qualcosa di simile in modo che la volta successiva il bullone o il prigioniero non rimanga intrappolato nella filettatura del foro.

    Suggerimenti e commenti

    Poiché il lavoro sulla rimozione di bulloni e prigionieri rotti comporta la perforazione, il riscaldamento, l'uso di strumenti a percussione e fluidi aggressivi, è necessario utilizzare dispositivi di protezione individuale: indumenti con maniche lunghe, guanti, occhiali e forse anche un respiratore.

    Se non hai avuto un trapano con rotazione a sinistra, non accadrà nulla di brutto. È possibile utilizzare un trapano standard della rotazione destra, ma integrarlo con un estrattore, che può anche essere sinistro o destro.